Augusto "letterato" nella biografia svetoniana e la dimensione pubblica dell'otium