Tra arte, letteratura e musica: nuove proposte per una storiografia su Napoli?