Il Codice dei beni culturali e del paesaggio (d.lgs 22 gennaio 2004, n.42) disciplina la prelazione artistica. L’istituto governa la commercializzazione dei beni culturali, ovvero gli atti che ne trasferiscono in tutto in parte, a qualsiasi titolo, la proprietà o la detenzione. Lo studio si sofferma, in particolare, sulla natura ablativa della prelazione legale e ne rinviene una nuova ratio nel controllo dell’autonomia negoziale dei privati al fine del perseguimento dell’interesse generale alla conservazione e al pubblico godimento dei beni culturali (artt. 2, 3, 9, 42, 44 e 47 Cost.).

La prelazione quale strumento di fruizione dei beni culturali alla collettività

MIGNOZZI, Alessia
2009

Abstract

Il Codice dei beni culturali e del paesaggio (d.lgs 22 gennaio 2004, n.42) disciplina la prelazione artistica. L’istituto governa la commercializzazione dei beni culturali, ovvero gli atti che ne trasferiscono in tutto in parte, a qualsiasi titolo, la proprietà o la detenzione. Lo studio si sofferma, in particolare, sulla natura ablativa della prelazione legale e ne rinviene una nuova ratio nel controllo dell’autonomia negoziale dei privati al fine del perseguimento dell’interesse generale alla conservazione e al pubblico godimento dei beni culturali (artt. 2, 3, 9, 42, 44 e 47 Cost.).
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11591/234046
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact