Per una nuova drammaturgia a Napoli: Saverio Mattei e il modello metastasiano