ANTI TNF alfa in pazienti affetti da Artrite Reumatoide e Spondiloartriti HBV carriers occulti:studio retrospettivo sulla sicurezza INTRODUZIONE: il TNFalfa è una proteina che gioca un ruolo chiave nella risposta a vari tipi di stimoli e infezioni(1 di chung) I dati disponibili di pazienti con infezione HBV e in terapia con anti TNF alfa per patologie reumatiche sono limitati(2).La frequenza di riattivazione virale in pazienti HBVcarriers occulti (HBsAg negativi/HBcAb positivi )in corso di terapie immunosoppressive varia dal 5 al 10 %.(3). OBIETTIVI: Valutare il profilo di sicurezza , nella pratica clinica,degli anti TNF alfa Etanercept(ETA) ,Adalimumab(ADA),INfliximab(IFX),Golimumab(GOL)in pazienti con Artrite Reumatoide (AR) o Spondiloartriti (SA) e concomitante infezione occulta HBV. METODI: Sono stati inclusi pazienti con AR o SA in trattamento con anti TNFalfa,osservati dal maggio 2002 al maggio 2011.Di questo gruppo di pazienti abbiamo valutato,retrospettivamente,lo stato sierologico HBV, i livelli di transaminasi sieriche(ALT;AST),il tipo di anti TNFalfa,la durata del trattamento con anti TNFalfa.Nei pazienti HBc Ab + eHBsAg- è stato determinato l’HBVDNA in caso di aumento delle transaminasi >2 volte alla norma per 2 volte consecutive(4). RISULTATI:Un totale di 280 pazienti aveva praticato 3 markers sierologici per infezione HBV:HBsAg,HBsAb e HBcAb.Di questi pazienti 51 erano anti HBc carriers,ma 6 erano HBsAg positivi e quindi sono stati esclusi dallo studio.Dei 45 pazienti valutati (HBsAg-,HBc Ab+,HBsAb+/-) la ratio M :F era 22:23 e la media SD di follow up era di ………. .17pazienti erano in trattamento con ETA,16 con ADA,9 con IFX e 3 con GOL,per un periodo di mesi ……..37 pz erano trattati anche con Methotrexate(MTX),2 con Leflunomide(LFN) e 11 con Prednisone(PDN) (<7,5 mg/die). Nessuno dei pazienti praticava profilassi antivirale.5 pazienti hanno presentato un aumento ALT/AST >2 volte alla norma per 2 volte consecutive (11,%) ;3 erano in terapia con IFX,1 con ETA ,1 con ADA;3 di essi erano in trattamento con MTX ,nessuno con PDN.Durante il follow up la determinazione dell’HBVDNA al picco e ogni 6 mesi,nonché i valori di AST e ALT sono risultati nella norma e nessun paziente è diventato HBsAg positivo; CONCLUSIONI:Il profilo HBcAB + e HBsAg – è significativo di una pregressa infezione da HBVe non indica una epatite cronica.Nella nostra casistica l’utilizzo degli anti TNFalfa in questo tipo di pazienti sembra essere sicuro senza,altresì, l’utilizzo di una profilassi antivirale.Ciònondimeno sono necessari uno stretto monitoraggio e ulteriori studi su casistiche più ampie utilizzando registri nazionali. Bibliografia: 1)Bradley JR.TNF –mediated inflammatory diseases J.Phat.2008;214:149-60 2)CalabreseLH et al:Hepatitis B virus (HBV) reactivation with immunosoppressive terapies in rheumatic diseases:assessment and preventive strategies.Ann Rheum.Dis.2006;65 983-983 3)Charpin C. et al:Safety of TNf alfa blocking agents in rheumatic patients with sierology suggesting past hepatitis B state.result of a cohort of 21 patients.Arthr.Res.Ther.2009,11R179 4)Yun Jung Kim et al:possible reactivation of potential Hepatitis B virus occult infection by TNF alfa Blocker in the treatment of rheumatic diseases.J.Rheum 2010;37:346-350

ANTI TNF ALFA IN PAZIENTI AFFETTI DA ARTRITE REUMATOIDE E SPONDILOARTRITI HBV CARRIERS OCCULTI:STUDIO RETROSPETTIVO SULLA SICUREZZA

TIRRI, Rosella;GAETA, Giovanni Battista;VALENTINI, Gabriele
2011

Abstract

ANTI TNF alfa in pazienti affetti da Artrite Reumatoide e Spondiloartriti HBV carriers occulti:studio retrospettivo sulla sicurezza INTRODUZIONE: il TNFalfa è una proteina che gioca un ruolo chiave nella risposta a vari tipi di stimoli e infezioni(1 di chung) I dati disponibili di pazienti con infezione HBV e in terapia con anti TNF alfa per patologie reumatiche sono limitati(2).La frequenza di riattivazione virale in pazienti HBVcarriers occulti (HBsAg negativi/HBcAb positivi )in corso di terapie immunosoppressive varia dal 5 al 10 %.(3). OBIETTIVI: Valutare il profilo di sicurezza , nella pratica clinica,degli anti TNF alfa Etanercept(ETA) ,Adalimumab(ADA),INfliximab(IFX),Golimumab(GOL)in pazienti con Artrite Reumatoide (AR) o Spondiloartriti (SA) e concomitante infezione occulta HBV. METODI: Sono stati inclusi pazienti con AR o SA in trattamento con anti TNFalfa,osservati dal maggio 2002 al maggio 2011.Di questo gruppo di pazienti abbiamo valutato,retrospettivamente,lo stato sierologico HBV, i livelli di transaminasi sieriche(ALT;AST),il tipo di anti TNFalfa,la durata del trattamento con anti TNFalfa.Nei pazienti HBc Ab + eHBsAg- è stato determinato l’HBVDNA in caso di aumento delle transaminasi >2 volte alla norma per 2 volte consecutive(4). RISULTATI:Un totale di 280 pazienti aveva praticato 3 markers sierologici per infezione HBV:HBsAg,HBsAb e HBcAb.Di questi pazienti 51 erano anti HBc carriers,ma 6 erano HBsAg positivi e quindi sono stati esclusi dallo studio.Dei 45 pazienti valutati (HBsAg-,HBc Ab+,HBsAb+/-) la ratio M :F era 22:23 e la media SD di follow up era di ………. .17pazienti erano in trattamento con ETA,16 con ADA,9 con IFX e 3 con GOL,per un periodo di mesi ……..37 pz erano trattati anche con Methotrexate(MTX),2 con Leflunomide(LFN) e 11 con Prednisone(PDN) (<7,5 mg/die). Nessuno dei pazienti praticava profilassi antivirale.5 pazienti hanno presentato un aumento ALT/AST >2 volte alla norma per 2 volte consecutive (11,%) ;3 erano in terapia con IFX,1 con ETA ,1 con ADA;3 di essi erano in trattamento con MTX ,nessuno con PDN.Durante il follow up la determinazione dell’HBVDNA al picco e ogni 6 mesi,nonché i valori di AST e ALT sono risultati nella norma e nessun paziente è diventato HBsAg positivo; CONCLUSIONI:Il profilo HBcAB + e HBsAg – è significativo di una pregressa infezione da HBVe non indica una epatite cronica.Nella nostra casistica l’utilizzo degli anti TNFalfa in questo tipo di pazienti sembra essere sicuro senza,altresì, l’utilizzo di una profilassi antivirale.Ciònondimeno sono necessari uno stretto monitoraggio e ulteriori studi su casistiche più ampie utilizzando registri nazionali. Bibliografia: 1)Bradley JR.TNF –mediated inflammatory diseases J.Phat.2008;214:149-60 2)CalabreseLH et al:Hepatitis B virus (HBV) reactivation with immunosoppressive terapies in rheumatic diseases:assessment and preventive strategies.Ann Rheum.Dis.2006;65 983-983 3)Charpin C. et al:Safety of TNf alfa blocking agents in rheumatic patients with sierology suggesting past hepatitis B state.result of a cohort of 21 patients.Arthr.Res.Ther.2009,11R179 4)Yun Jung Kim et al:possible reactivation of potential Hepatitis B virus occult infection by TNF alfa Blocker in the treatment of rheumatic diseases.J.Rheum 2010;37:346-350
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11591/223583
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact