I beni culturali d'interesse religioso: verso una tutela dinamica?