CONSIDERAZIONI SU UN CASO DI LEISHMANIOSI VISCERALE