L’iconizzazione del mobile