Lo “Speculum Perfectionis” e le sue fonti