Il ‘tri-vaso del Quirinale’ e il diritto romano arcaico