Continua la deriva del difensore civico