SU DI UN CASO DI PSEUDOISCHEMIA CORONARICA