LA RELAZIONE VITTIMA-PREPOTENTE: STABILITA' DEL FENOMENO E RICORSO A MECCANISMI DI DISIMPEGNO MORALE