Una ripresa “non comune”: le spese per la cultura delle città italiane