Il saggio intende aprire alcune questioni chiave sulla gestione della narrazione delle emergenze e sulla veridicità e interpretazione dei dati. Partendo dal presupposto che 'non esista una comunicazione angelica' e che la comunicazione per sua stessa natura contiene elementi di persuasione, il saggio analizza la figura del progettista grafico quale 'traduttore' di informazioni all'interno di un ambiente digitale nel quale la questione etica diventa centrale, così come l'uso della forma diventa strumento epistemologico.

Raccontare le emergenze. Una questione aperta.

Piscitelli D.
Membro del Collaboration Group
;
2022

Abstract

Il saggio intende aprire alcune questioni chiave sulla gestione della narrazione delle emergenze e sulla veridicità e interpretazione dei dati. Partendo dal presupposto che 'non esista una comunicazione angelica' e che la comunicazione per sua stessa natura contiene elementi di persuasione, il saggio analizza la figura del progettista grafico quale 'traduttore' di informazioni all'interno di un ambiente digitale nel quale la questione etica diventa centrale, così come l'uso della forma diventa strumento epistemologico.
2022
Piscitelli, D.; Cortoni, I.; Cristallo, V.; Faloni, V.; Mariani, M.; Bennato, D.; Ceccarelli, N.; Golino, M.; Morcellini, M.; Moretti, M.; Manchia, V....espandi
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11591/487808
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact