Oltre a chiarire diversi aspetti relativi all’acquisto, nel 1747, del seicentesco palazzo della famiglia Marciano nella strada di Costantinopoli da parte di Tommaso Francesco Spinelli, marchese di Fuscaldo, un’inedita documentazione custodita nel fondo notarile dell’Archivio di Stato di Napoli permette di far luce sulla cessione, nello stesso anno, di un suolo adiacente appartenente alle religiose della chiesa di S. Giovanni Battista delle Monache, primo passo verso l’ampliamento e la definitiva configurazione dell’edificio. Solo dopo la realizzazione di una nuova ala sarà infatti avviata la radicale riorganizzazione degli accessi agli appartamenti superiori attraverso una scalinata intervallata da due ballatoi affacciati sulla strada di Costantinopoli attraverso ampi finestroni che ancora oggi si inframmezzano tra la facciata del palazzo e quella della chiesa, fulcro di un organico riammodernamento del palazzo culminato intorno al 1790 con gli affreschi sulla volta del salone delle feste e, poco più tardi, con le pitture di gusto neoclassico della loggia.

Nuove acquisizioni sull’ampliamento settecentesco del palazzo Spinelli di Fuscaldo a Napoli

G. Pignatelli Spinazzola
2021

Abstract

Oltre a chiarire diversi aspetti relativi all’acquisto, nel 1747, del seicentesco palazzo della famiglia Marciano nella strada di Costantinopoli da parte di Tommaso Francesco Spinelli, marchese di Fuscaldo, un’inedita documentazione custodita nel fondo notarile dell’Archivio di Stato di Napoli permette di far luce sulla cessione, nello stesso anno, di un suolo adiacente appartenente alle religiose della chiesa di S. Giovanni Battista delle Monache, primo passo verso l’ampliamento e la definitiva configurazione dell’edificio. Solo dopo la realizzazione di una nuova ala sarà infatti avviata la radicale riorganizzazione degli accessi agli appartamenti superiori attraverso una scalinata intervallata da due ballatoi affacciati sulla strada di Costantinopoli attraverso ampi finestroni che ancora oggi si inframmezzano tra la facciata del palazzo e quella della chiesa, fulcro di un organico riammodernamento del palazzo culminato intorno al 1790 con gli affreschi sulla volta del salone delle feste e, poco più tardi, con le pitture di gusto neoclassico della loggia.
Pignatelli Spinazzola, G.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11591/473268
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact