La coda non dimostra l’esistenza del cane: i limiti epistemologici della frenologia