Studio specifico sull'attività del critico d'arte Mario De Micheli relativamente al suo periodo giovanile, dagli anni Quaranta ai Settanta del Novecento, ricostruito attraverso la consultazione del suo archivio privato in provincia di Milano. Ne è emersa una figura, alla luce di scritti e testimonianze di contatti con artisti del secondo dopoguerra, particolarmente significativa: dal suo ruolo nell'ambito del movimento di 'Corrente' alla promozione del concetto di "realismo dialettico", in dissonanza con quello filo-sovietico di "realismo socialista".

Mario De Micheli fra 'le parole e le cose'

Gaia SALVATORI
2017

Abstract

Studio specifico sull'attività del critico d'arte Mario De Micheli relativamente al suo periodo giovanile, dagli anni Quaranta ai Settanta del Novecento, ricostruito attraverso la consultazione del suo archivio privato in provincia di Milano. Ne è emersa una figura, alla luce di scritti e testimonianze di contatti con artisti del secondo dopoguerra, particolarmente significativa: dal suo ruolo nell'ambito del movimento di 'Corrente' alla promozione del concetto di "realismo dialettico", in dissonanza con quello filo-sovietico di "realismo socialista".
Salvatori, Gaia
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11591/385576
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact