Il modello come ‘icona migrante’