Il saggio, esito degli studi svolti nell’ambito del PRIN 2003 sull’Architettura del Classicismo in Campania tra Quattrocento e Cinquecento, approfondisce il caso irpino del Palazzo della Dogana di Mercogliano, caratterizzato da un insolito paramento a bugne quadrate piatte con giunti allineati e da un prezioso portale in piperno. Il raffinato apparato decorativo esibisce elementi la cui simbologia riconduce l’opera alla fase in cui la cittadina divenne commenda dell’Annunziata di Napoli (1515).

Modelli architettonici e contaminazioni formali nell’architettura rinascimentale irpina: il cosiddetto “Palazzo della Dogana” di Mercogliano.

CIRILLO, Ornella
2007

Abstract

Il saggio, esito degli studi svolti nell’ambito del PRIN 2003 sull’Architettura del Classicismo in Campania tra Quattrocento e Cinquecento, approfondisce il caso irpino del Palazzo della Dogana di Mercogliano, caratterizzato da un insolito paramento a bugne quadrate piatte con giunti allineati e da un prezioso portale in piperno. Il raffinato apparato decorativo esibisce elementi la cui simbologia riconduce l’opera alla fase in cui la cittadina divenne commenda dell’Annunziata di Napoli (1515).
Cirillo, Ornella
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11591/225794
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact