Stupor mundi o sull'ermeneutica simbolico-politica dell'opera d'arte