Un raro caso di infarto talamico bilaterale: spuNto per una riflessione sulla multidirezionalità del trattamento riabilitativo e suoi presupposti neurofisiologici