La patologia dolorosa cronica e il problema della ‘oppiofobia’