La mobilità del personale tra “autonomia negoziale” ed “evidenza pubblica”