Il giudizio direttissimo e la procedura di convalida anche alla luce della sentenza n. 36212/10 della Cassazione