La rosa nel calamaio. Elogio della grafica "debole"