Soggettività, post-democrazia e biopolitica