Diverse culture, bambini diversi?