Dall’etimologia del termine wabi sabi, ovvero l’estetica della povertà, descrivendone i tratti fondamentali, gli aspetti psicologici e filosofici, viene illustrato il percorso di fashion design fino alla realizzazione di un kimono innovativo rispondente ai principi dell’iki.

DALLA TRADIZIONE GIAPPONESE ALL’INNOVAZIONE CAMPANA Il kimono 2.0 dalla metafora del kintsugi all’Agenda 2030

Maria Dolores Morelli
2022

Abstract

Dall’etimologia del termine wabi sabi, ovvero l’estetica della povertà, descrivendone i tratti fondamentali, gli aspetti psicologici e filosofici, viene illustrato il percorso di fashion design fino alla realizzazione di un kimono innovativo rispondente ai principi dell’iki.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11591/478962
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact