Il lavoro è dedicato all’esame diacronico delle due fattispecie contenute nella legge sulla subfornitura, e cioè la dipendenza progettual-tecnologica e la dipendenza economica, rivisitate sia sul piano della qualificazione giuridica che delle pratiche applicative quali emergono da una casistica giudiziaria ormai consistente, in buona parte alimentata da un incessante dibattito dottrinale, ove alcune posizioni sembrano oramai consolidarsi. L’indagine viene arricchita da una particolare attenzione ai processi produttivi che si sviluppano in relazione all’economia digitale, che fanno emergere nuove asimmetrie di potere economico sia nei rapporti negoziali che nelle dinamiche di mercato. In presenza di tale realtà in trasformazione il saggio registra, anche in una prospettiva comparatistica, la portata espansiva della categoria dell’abuso di dipendenza economica, per la sua intrinseca duttilità e pragmaticità che consente di investire fenomeni produttivi in incessante cambiamento e di contenere l’irrefrenabile potere delle grandi centrali informatiche le quali, in virtù dei mezzi e dei dati accumulati, si irradiano anche nei mercati collaterali, determinando situazioni di prevaricazione. In questo quadro evolutivo va definendosi pure una nuova tipologia di rimedi, accanto a quelli sanzionatori e di tipo risarcitorio, maggiormente concentrati su obiettivi conservativi e manutentivi, la cui praticabilità va attentamente verificata e dosata in ragione del delicato equilibrio tra autonomia negoziale e libertà di impresa.

DIPENDENZA TECNICA E DIPENDENZA ECONOMICA NELLA SUBFORNITURA INDUSTRIALE

Ferraro Pietro Paolo
2022

Abstract

Il lavoro è dedicato all’esame diacronico delle due fattispecie contenute nella legge sulla subfornitura, e cioè la dipendenza progettual-tecnologica e la dipendenza economica, rivisitate sia sul piano della qualificazione giuridica che delle pratiche applicative quali emergono da una casistica giudiziaria ormai consistente, in buona parte alimentata da un incessante dibattito dottrinale, ove alcune posizioni sembrano oramai consolidarsi. L’indagine viene arricchita da una particolare attenzione ai processi produttivi che si sviluppano in relazione all’economia digitale, che fanno emergere nuove asimmetrie di potere economico sia nei rapporti negoziali che nelle dinamiche di mercato. In presenza di tale realtà in trasformazione il saggio registra, anche in una prospettiva comparatistica, la portata espansiva della categoria dell’abuso di dipendenza economica, per la sua intrinseca duttilità e pragmaticità che consente di investire fenomeni produttivi in incessante cambiamento e di contenere l’irrefrenabile potere delle grandi centrali informatiche le quali, in virtù dei mezzi e dei dati accumulati, si irradiano anche nei mercati collaterali, determinando situazioni di prevaricazione. In questo quadro evolutivo va definendosi pure una nuova tipologia di rimedi, accanto a quelli sanzionatori e di tipo risarcitorio, maggiormente concentrati su obiettivi conservativi e manutentivi, la cui praticabilità va attentamente verificata e dosata in ragione del delicato equilibrio tra autonomia negoziale e libertà di impresa.
978-88-495-5025-2
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11591/470349
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact