Premessa : scopo dello studio è stato quello di valutare l’efficacia terapeutica della ventilazione non invasiva nel trattare ARF. Scopo : risolvere l’ipossiemia, ridurre la fatica dei muscoli respiratori, ridurre le infezioni,i giorni ed i costi di degenza Materiale e metodi : Abbiamo usato NIV in 25/90 pazienti operati dal dicembre 2007 al giugno 2008. L'anestesia è stata effettuata per via ev. TIVA (3mg/kg/hr), Remifentanil (0.5-1.0 mcg / kg / min) e besilato cisatracurium. Sedazione postoperatoria realizzata mantenendo l'infusione di propofol fino all’estubazione;l’ infusione di remifentanil è continua a 0,03-0,07 mcg / kg / min, dopo l'estubazione. La terapia del dolore è stata realizzata con il tramadolo e ketorolac. Estubazione Fast track è stata effettuata entro 4 ore dalla fine dell'intervento. La ventilazione non invasiva è stata eseguita tramite Maschera viso collegato Ventilatore con il supporto di pressione (10-15 cm H2O) e PEEP (5-8 cm H2O). Abbiamo alternato periodi di respirazione spontanea e ciclo di 1-2 ore per un NR 10 media + 5. Abbiamo raccolto campioni di gas del sangue arterioso e la valutazione dei dati clinici. Risultati: Solo un paziente ha dovuto essere reintubato e successivamente tracheostomizzato. Tutti i pazienti avevano un miglioramento del rapporto tra pressione parziale di ossigeno arterioso e della frazione di ossigeno ispirato (PaO2: FiO2) e, entro la prima ora, del pH, PaCO2 e RR. Non sono stati osservati effetti avversi e la tecnica è stata ben tollerata. Conclusioni : L'utilizzo della ventilazione non invasiva precoce riduce la reintubazione e previene le complicanze respiratorie, migliora lo scambio di gas e riducela permanenza in terapia intensiva .

NIV “ESPERIENZE DI VENTILAZIONE NON INVASIVA”

SIMEONE S;
2010

Abstract

Premessa : scopo dello studio è stato quello di valutare l’efficacia terapeutica della ventilazione non invasiva nel trattare ARF. Scopo : risolvere l’ipossiemia, ridurre la fatica dei muscoli respiratori, ridurre le infezioni,i giorni ed i costi di degenza Materiale e metodi : Abbiamo usato NIV in 25/90 pazienti operati dal dicembre 2007 al giugno 2008. L'anestesia è stata effettuata per via ev. TIVA (3mg/kg/hr), Remifentanil (0.5-1.0 mcg / kg / min) e besilato cisatracurium. Sedazione postoperatoria realizzata mantenendo l'infusione di propofol fino all’estubazione;l’ infusione di remifentanil è continua a 0,03-0,07 mcg / kg / min, dopo l'estubazione. La terapia del dolore è stata realizzata con il tramadolo e ketorolac. Estubazione Fast track è stata effettuata entro 4 ore dalla fine dell'intervento. La ventilazione non invasiva è stata eseguita tramite Maschera viso collegato Ventilatore con il supporto di pressione (10-15 cm H2O) e PEEP (5-8 cm H2O). Abbiamo alternato periodi di respirazione spontanea e ciclo di 1-2 ore per un NR 10 media + 5. Abbiamo raccolto campioni di gas del sangue arterioso e la valutazione dei dati clinici. Risultati: Solo un paziente ha dovuto essere reintubato e successivamente tracheostomizzato. Tutti i pazienti avevano un miglioramento del rapporto tra pressione parziale di ossigeno arterioso e della frazione di ossigeno ispirato (PaO2: FiO2) e, entro la prima ora, del pH, PaCO2 e RR. Non sono stati osservati effetti avversi e la tecnica è stata ben tollerata. Conclusioni : L'utilizzo della ventilazione non invasiva precoce riduce la reintubazione e previene le complicanze respiratorie, migliora lo scambio di gas e riducela permanenza in terapia intensiva .
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11591/458443
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact