Sul rapporto tra diritto, verità e negazione