ARCHITETTURA ELEMENTARE E COMPLESSA: IL CASO BAGNOLI