Il dispregio greco-romano verso il lavoro manuale si è trasmesso alle età successive nonostante l’avvento del monachesimo, nel quale, come è noto, il lavoro ha ruolo essenziale. Ma, quando il monaco assolve a compiti umili, egli persegue innanzitutto il proprio perfezionamento spirituale; gli effetti economici, seppure rilevanti, risultano secondari, accessori. Il monaco lavoratore resta, aristocraticamente, uomo libero, egli è imparagonabile a un semplice salariato mosso soltanto dal bisogno. Qui il punto di continuità con la cultura greca e romana del lavoro.

Il lavoro dei monaci

Lanza Carlo
2019

Abstract

Il dispregio greco-romano verso il lavoro manuale si è trasmesso alle età successive nonostante l’avvento del monachesimo, nel quale, come è noto, il lavoro ha ruolo essenziale. Ma, quando il monaco assolve a compiti umili, egli persegue innanzitutto il proprio perfezionamento spirituale; gli effetti economici, seppure rilevanti, risultano secondari, accessori. Il monaco lavoratore resta, aristocraticamente, uomo libero, egli è imparagonabile a un semplice salariato mosso soltanto dal bisogno. Qui il punto di continuità con la cultura greca e romana del lavoro.
978-88-495-3925-7
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11591/403012
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact