Dallo "Stato dell'Arte" allo Stato Moderno napoletano