Contributo nella Prevenzione e protezione dai possibili effetti avversi alla salute ed al benessere umano,della esposizione ai CEM. L'organismo umano immerso in CEM è esposto ad interazione, effetti biologici e/o sanitari da accoppiamento con le cariche elettriche e correnti presenti nei tessuti biologici. I possibili effetti sanitari a breve e lungo termine sono oggetto di misure di prevenzione e protezione dei lavoratori e della popolazione.Il D.81/08 dispone misure di sicurezza nella esposizione dei lavoratori ai CEM da0Hza300 GHz durante il lavoro;considera gli effetti nocivi a breve termine nel corpo umano (correnti indotte, assorbimento di energia,correnti di contatto), non a lungo termine nè i rischi da contatto di conduttori in tensione. i Valori Limite di esposizione ai campi elettromagnetici, sono suddivisi in base alle frequenze e ai possibili effetti sull’organismo. In particolare, si articolano in:- Valori Limite di Esposizione per la densità di corrente, per i campi variabili nel tempo fino a 1 Hz, (prevenzione degli effetti sul sistema cardiovascolare e sul sistema nervoso centrale);- Valori Limite di esposizione per la densità di corrente per frequenze comprese fra 1 Hz e 10 MHz (prevenzione degli effetti sul sistema nervoso);- Valori Limite di esposizione per il SAR per frequenze fra 100 kHz e 10 GHz, (prevenzione dello stress termico al corpo intero ed eccessivo riscaldamento localizzato dei tessuti). Per frequenze fra 100 kHz e 10 MHz, i Valori Limite di Esposizione previsti si riferiscono sia alla densità di corrente che al SAR;- per frequenze fra 10 GHz e 300 GHz i VLE considerano la densità di potenza (prevenzione dell'eccessivo riscaldamento dei tessuti della superficie del corpo o in prossimità della stessa. Si descrive una esperienza specifica di monitoraggio in ambiente di lavoro a bordo nave, per il suo significato tematico di generale applicabilità.

La esposizione ai campi elettromagnetici in ambienti di lavoro e di vita

SCHILLIRO', Francesco;CAMMAROTA, Bruno
2012

Abstract

Contributo nella Prevenzione e protezione dai possibili effetti avversi alla salute ed al benessere umano,della esposizione ai CEM. L'organismo umano immerso in CEM è esposto ad interazione, effetti biologici e/o sanitari da accoppiamento con le cariche elettriche e correnti presenti nei tessuti biologici. I possibili effetti sanitari a breve e lungo termine sono oggetto di misure di prevenzione e protezione dei lavoratori e della popolazione.Il D.81/08 dispone misure di sicurezza nella esposizione dei lavoratori ai CEM da0Hza300 GHz durante il lavoro;considera gli effetti nocivi a breve termine nel corpo umano (correnti indotte, assorbimento di energia,correnti di contatto), non a lungo termine nè i rischi da contatto di conduttori in tensione. i Valori Limite di esposizione ai campi elettromagnetici, sono suddivisi in base alle frequenze e ai possibili effetti sull’organismo. In particolare, si articolano in:- Valori Limite di Esposizione per la densità di corrente, per i campi variabili nel tempo fino a 1 Hz, (prevenzione degli effetti sul sistema cardiovascolare e sul sistema nervoso centrale);- Valori Limite di esposizione per la densità di corrente per frequenze comprese fra 1 Hz e 10 MHz (prevenzione degli effetti sul sistema nervoso);- Valori Limite di esposizione per il SAR per frequenze fra 100 kHz e 10 GHz, (prevenzione dello stress termico al corpo intero ed eccessivo riscaldamento localizzato dei tessuti). Per frequenze fra 100 kHz e 10 MHz, i Valori Limite di Esposizione previsti si riferiscono sia alla densità di corrente che al SAR;- per frequenze fra 10 GHz e 300 GHz i VLE considerano la densità di potenza (prevenzione dell'eccessivo riscaldamento dei tessuti della superficie del corpo o in prossimità della stessa. Si descrive una esperienza specifica di monitoraggio in ambiente di lavoro a bordo nave, per il suo significato tematico di generale applicabilità.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11591/330495
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact