Nella memoria sono presentati i primi risultati di una attività di monitoraggio . idrologico ad elevata risoluzione temporale di un pendio ricoperto da materiali . piroclastici sciolti. Il pendio, sito in prossimità di Cervinara (AV), è caratterizzato. da pendenze intorno a 40°, maggiori dell’angolo di attrito interno del terreno. I dati raccolti di contenuto d’acqua e tensione capillare hanno permesso di stimare . l’andamento delle curve di ritenzione relative a strati di differenti caratteristiche . idrauliche. Le curve ottenute risultano notevolmente diverse da quelle stimate in . laboratorio su piccoli campioni indisturbati di terreno, mentre invece risultano simili a quelle ottenute a partire da prove di infiltrazione condotte su modelli di pendio in scala. Tale risultato è attribuibile alla tendenza dei terreni piroclastici della Campania a sviluppare una struttura costituita da deboli aggregati delle dimensioni di alcuni centimetri. Il sistema di vuoti strutturali tra gli aggregati influenza il comportamento idraulico del terreno, soprattutto in prossimità della . saturazione. A causa delle dimensioni caratteristiche di tale sistema di vuoti, questi . effetti sono difficilmente rilevabili attraverso prove sperimentali su campioni di . terreno di piccole dimensioni, a riprova della fondamentale importanza delle attività di monitoraggio per la modellazione idrologica dei pendii.

Attività di monitoraggio di campo per la modellazione idrologica di pendii coperti da coltri piroclastiche stratificate

DAMIANO, Emilia;GRECO, Roberto;OLIVARES, Lucio
2012

Abstract

Nella memoria sono presentati i primi risultati di una attività di monitoraggio . idrologico ad elevata risoluzione temporale di un pendio ricoperto da materiali . piroclastici sciolti. Il pendio, sito in prossimità di Cervinara (AV), è caratterizzato. da pendenze intorno a 40°, maggiori dell’angolo di attrito interno del terreno. I dati raccolti di contenuto d’acqua e tensione capillare hanno permesso di stimare . l’andamento delle curve di ritenzione relative a strati di differenti caratteristiche . idrauliche. Le curve ottenute risultano notevolmente diverse da quelle stimate in . laboratorio su piccoli campioni indisturbati di terreno, mentre invece risultano simili a quelle ottenute a partire da prove di infiltrazione condotte su modelli di pendio in scala. Tale risultato è attribuibile alla tendenza dei terreni piroclastici della Campania a sviluppare una struttura costituita da deboli aggregati delle dimensioni di alcuni centimetri. Il sistema di vuoti strutturali tra gli aggregati influenza il comportamento idraulico del terreno, soprattutto in prossimità della . saturazione. A causa delle dimensioni caratteristiche di tale sistema di vuoti, questi . effetti sono difficilmente rilevabili attraverso prove sperimentali su campioni di . terreno di piccole dimensioni, a riprova della fondamentale importanza delle attività di monitoraggio per la modellazione idrologica dei pendii.
978-88-97181-18-7
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11591/321647
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact