la percezione che i Romani avevano del fenomeno del dionisismo al contrario di quanto si ritiene comunemente, era in generale corretta; la repressione del fenomeno fu causata dal fatto che il culto richiedeva il compimento di atti che si configuravano come crimina nell'ordinamento penale di Roma (riunioni notturne, giuramento tra privati); dall'esame delle fonti emerge, tuttavia, l'incomprensione dell'elemento della morte rituale dell'iniziando interpretata, a quanto sembra, in modo distorto

Elaborazione e ricezione dell'identità dionisiaca nella Roma repubblicana

SANTI, Claudia
2016

Abstract

la percezione che i Romani avevano del fenomeno del dionisismo al contrario di quanto si ritiene comunemente, era in generale corretta; la repressione del fenomeno fu causata dal fatto che il culto richiedeva il compimento di atti che si configuravano come crimina nell'ordinamento penale di Roma (riunioni notturne, giuramento tra privati); dall'esame delle fonti emerge, tuttavia, l'incomprensione dell'elemento della morte rituale dell'iniziando interpretata, a quanto sembra, in modo distorto
978-84-16020-61-4
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11591/213762
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact