Obiettivi: Nei pazienti con Fibrosi Cistica (FC), malattia genetica sistemica ad interessamento multiorgano, la difesa antiossidante é ridotta e contribuisce alla comparsa di stress ossidativo, riducendo la capacità di risposta alle infezioni delle vie aeree. E’ stato dimostrato che in FC il Glutatione (GSH), prima linea di difesa dei polmoni nei confronti del danno cellulare indotto dai radicali liberi, è notevolmente ridotto e la sua somministrazione esogena potrebbe controbilanciare lo stress ossidativo. È in corso uno studio randomizzato controllato in singolo cieco con GSH inalatorio versus placebo (NCT01450267) per valutare l’effetto del GSH in una coorte di pazienti FC. Riportiamo i dati preliminari sulla tollerabilità al GSH nel gruppo di pazienti arruolati. Metodi: Dei 94 pazienti FC (48 F, 46 M, età M 20,8 anni ) in regolare follow up presso il Centro di Riferimento Regionale Pediatrico e Adulti di Napoli, 50 (23 F) sono stati assegnati mediante randomizzazione al gruppo GSH e 44 (25 F) al gruppo placebo. I principali criteri di inclusione erano: diagnosi di FC mediante test del sudore e/o due mutazioni causanti malattia, età del paziente >6 anni, FEV1%>40% del predetto; coltura negativa per Burkholderia Cepacia. Per valutare la tollerabilità del farmaco è stata effettuata una spirometria prima, 10 e 60 minuti dopo il test di inalazione del GSH (10 mg/Kg, dosaggio massimo 600mg/dose). Una riduzione del FEV1%>15% rispetto al valore basale è criterio di esclusione dallo studio. Risultati: Nessun paziente ha mostrato una diminuzione del FEV1% >15% dopo l’inalazione di GSH. I risultati preliminari mostrano che in un sottogruppo di pazienti con un FEV≤ 80% (n=27), dopo sei mesi di trattamento, il FEV1% è aumentato in maniera statisticamente significativa (58.3 ± 13.2 vs 62.6 ± 15.1 p =0.048) a differenza di quanto osservato nel gruppo di pazienti (n= 20) trattati con placebo (59.3 ± 14.9 vs 56.8 ± 18.4). Conclusioni: Il GSH inalatorio è tollerato in tutti i pazienti trattati. Risultati preliminari suggeriscono che la terapia con GSH inalatorio determina un miglioramento della funzione polmonare. È in corso di valutazione l’efficacia del GSH inalatorio su parametri clinici e funzionali e sui livelli degli indici di infiammazione nel corso dei 12 mesi di terapia.

Tollerabilità del GSH inalatorio in pazienti pediatrici e adulti con fibrosi cistica

CALABRESE, Cecilia;
2012

Abstract

Obiettivi: Nei pazienti con Fibrosi Cistica (FC), malattia genetica sistemica ad interessamento multiorgano, la difesa antiossidante é ridotta e contribuisce alla comparsa di stress ossidativo, riducendo la capacità di risposta alle infezioni delle vie aeree. E’ stato dimostrato che in FC il Glutatione (GSH), prima linea di difesa dei polmoni nei confronti del danno cellulare indotto dai radicali liberi, è notevolmente ridotto e la sua somministrazione esogena potrebbe controbilanciare lo stress ossidativo. È in corso uno studio randomizzato controllato in singolo cieco con GSH inalatorio versus placebo (NCT01450267) per valutare l’effetto del GSH in una coorte di pazienti FC. Riportiamo i dati preliminari sulla tollerabilità al GSH nel gruppo di pazienti arruolati. Metodi: Dei 94 pazienti FC (48 F, 46 M, età M 20,8 anni ) in regolare follow up presso il Centro di Riferimento Regionale Pediatrico e Adulti di Napoli, 50 (23 F) sono stati assegnati mediante randomizzazione al gruppo GSH e 44 (25 F) al gruppo placebo. I principali criteri di inclusione erano: diagnosi di FC mediante test del sudore e/o due mutazioni causanti malattia, età del paziente >6 anni, FEV1%>40% del predetto; coltura negativa per Burkholderia Cepacia. Per valutare la tollerabilità del farmaco è stata effettuata una spirometria prima, 10 e 60 minuti dopo il test di inalazione del GSH (10 mg/Kg, dosaggio massimo 600mg/dose). Una riduzione del FEV1%>15% rispetto al valore basale è criterio di esclusione dallo studio. Risultati: Nessun paziente ha mostrato una diminuzione del FEV1% >15% dopo l’inalazione di GSH. I risultati preliminari mostrano che in un sottogruppo di pazienti con un FEV≤ 80% (n=27), dopo sei mesi di trattamento, il FEV1% è aumentato in maniera statisticamente significativa (58.3 ± 13.2 vs 62.6 ± 15.1 p =0.048) a differenza di quanto osservato nel gruppo di pazienti (n= 20) trattati con placebo (59.3 ± 14.9 vs 56.8 ± 18.4). Conclusioni: Il GSH inalatorio è tollerato in tutti i pazienti trattati. Risultati preliminari suggeriscono che la terapia con GSH inalatorio determina un miglioramento della funzione polmonare. È in corso di valutazione l’efficacia del GSH inalatorio su parametri clinici e funzionali e sui livelli degli indici di infiammazione nel corso dei 12 mesi di terapia.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11591/211751
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact