LA DISFUNZIONE ERETTILE COME FATTORE DI RISCHIO CARDIOVASCOLARE NEI PAZIENTI DIABETICI DI TIPO II