Il “pollice a scatto” nei bambini