IL DOLORE ADDOMINALE NELLA PATOLOGIA NON ISCHEMICA