Medicina accademica-medicina di base: una distanza da colmare