La persona come paradigma di senso