I lavori pubblici tra etica e diritto