"Theatrum mundi" e "Ragione". Dal relativismo giuridico all'omologaizone sociale.