Nuove tipologie di spazi per organizzare “isole di senso urbano”, anche nelle condizioni più marginali e difficili, ovunque sia praticabile un progetto minimo con i vegetali rivolto all’elevazione sociale. Lavorare sul limite dell’impossibile, negli interstizi urbani, nei parterre verticali, sopra i tetti delle case. Nel volume anche gli Atti del Convegno Il Progetto Moderno del Giardino, con interventi di Ferriolo, Pizzetti e Calcagno.

GIARDINI IMPOSSIBILI l'edera è stata il primo giardino impossibile

COZZOLINO, Salvatore
2006

Abstract

Nuove tipologie di spazi per organizzare “isole di senso urbano”, anche nelle condizioni più marginali e difficili, ovunque sia praticabile un progetto minimo con i vegetali rivolto all’elevazione sociale. Lavorare sul limite dell’impossibile, negli interstizi urbani, nei parterre verticali, sopra i tetti delle case. Nel volume anche gli Atti del Convegno Il Progetto Moderno del Giardino, con interventi di Ferriolo, Pizzetti e Calcagno.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11591/159056
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact