Il discorso del dott. Arrigo Olivetti a Mosca, settembre 1966